Cassazione civile sez. III 27 giugno 2014 n. 14646

  • SPEDIZIONE (Contratto di) – Spedizioniere – obblighi – Indennità per operazioni doganali compiute fuori circuito ed oltre il normale orario di lavoro – Ripetizione delle somme – Legittimazione dello spedizioniere doganale – Esclusione – Fondamento. 
    Sebbene lo spedizioniere doganale, di cui all’art. 40 d.P.R. 23 gennaio 1973 n. 43, si differenzi dalla figura disciplinata all’art. 1737 c.c., avendo diretta rappresentanza in dogana del proprietario della merce, al contratto di spedizione doganale si applica comunque l’art. 1739 comma 3 c.c., secondo cui i premi, gli abbuoni e i vantaggi di tariffa ottenuti dallo spedizioniere devono essere accreditati al committente. Ne deriva che legittimato alla ripetizione dei corrispettivi indebitamente versati per operazioni compiute fuori dell’orario di apertura degli uffici o fuori circuito doganale non è lo spedizioniere doganale ma l’operatore commerciale rappresentato, cui è legalmente riferibile il pagamento.

  • Rigetta,App. Bologna, 04/07/2008

Posted by

Abilitazione alla professione di Avvocato 2002. Iscritto all’Albo Avvocati – Ordine di Napoli – dal 17 dicembre 2002. Iscritto all'Albo Speciale degli Avvocati Cassazionisti, dal 22 gennaio 2016 Membro della Commissione Atti Atipici e Nuove fattispecie negoziali dell'Ordine degli Avvocati di Napoli, dal 5.07.2016 Focus area: Diritto civile, diritto commerciale, diritto del lavoro, Intellectual Property Rights. Art Law. Contrattualistica e contenzioso giudiziale. Lingue: Italiano, Inglese Studio Legale Colantonio via Michelangelo Schipa n. 59 80122 Napoli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.