Tribunale Napoli sez. I 13 marzo 2014 n. 2228

Il diritto di confine non è assorbente o sostitutivo del pagamento dell’IVA e, di conseguenza, il reato di contrabbando non è assorbente rispetto a quello di violazione dell’IVA, in quanto le due ipotesi sono rivolte alla tutela di due distinti diritti fiscali dello Stato, correlati l’uno all’introduzione di merci nel territorio dello Stato e alla conseguente necessità di equiparare fiscalmente i prodotti esteri a quelli similari nazionali e l’altro all’esigenza, di carattere generale, di imporre l’IVA alle cessioni di merci; ne consegue che i due reati concorrono tra di loro.

Posted by

Abilitazione alla professione di Avvocato 2002. Iscritto all’Albo Avvocati – Ordine di Napoli – dal 17 dicembre 2002. Iscritto all'Albo Speciale degli Avvocati Cassazionisti, dal 22 gennaio 2016 Membro della Commissione Atti Atipici e Nuove fattispecie negoziali dell'Ordine degli Avvocati di Napoli, dal 5.07.2016 Focus area: Diritto civile, diritto commerciale, diritto del lavoro, Intellectual Property Rights. Art Law. Contrattualistica e contenzioso giudiziale. Lingue: Italiano, Inglese Studio Legale Colantonio via Michelangelo Schipa n. 59 80122 Napoli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.