Cassazione civile sez. VI 05 novembre 2014 n. 23513

LAVORO SUBORDINATO (Rapporto di) – Retribuzione – in genere

Una volta che il lavoratore ha percepito gli incrementi retributivi previsti, con effetto retroattivo, dal nuovo contratto collettivo, per lo stesso periodo non può più riconoscersi l’indennità di vacanza contrattuale, posto che il rinnovo del contratto ha già coperto gli effetti dell’inflazione (fattispecie relativa alla controversia promosso da alcuni dipendenti del MIUR per l’ottenimento dell’indennità di vacanza contrattuale prevista dal CCNL comparto scuola, in ragione del fatto che gli accordi di rinnovo contrattuale erano stati sottoscritti tardivamente dalle parti sociali).

Rispondi