Divieto di concorrenza e produzione di documenti nel processo del lavoro

Il lavoratore che produca, in una controversia di lavoro intentata nei confronti del datore di lavoro, copia di atti aziendali, che riguardino direttamente la sua posizione lavorativa, non viene meno ai suoi doveri di fedeltà, di cui all’art. 2105 c.c., tenuto conto che l’applicazione corretta della normativa processuale in materia è idonea a impedire una vera e propria divulgazione della documentazione aziendale e che, in ogni caso, al diritto di difesa in giudizio deve riconoscersi prevalenza rispetto alle eventuali esigenze di riservatezza dell’azienda; ne consegue la legittimità della produzione in giudizio dei detti atti trattandosi di prove lecite e l’illegittimità del licenziamento disciplinare intimato quale conseguenza della predetta produzione documentale.

Autorità: Cassazione civile sez. lav.

Data: 04/12/2014

  1. 25682

Parti: Soc. I.P. C. R.

Fonti: Diritto & Giustizia 2014, 5 dicembre (s.m.) (nota di: DULIO)

Classificazioni: LAVORO SUBORDINATO (Rapporto di) – Diritti e doveri delle parti – – fedeltà, divieto di concorrenza

THUMBNAIL_IMAGE

Per saperne di più:

Divieto di concorrenza per il collaboratore d’impresa

Collana: Lavoratori e Imprese

Copyright © 05/2015 Roberto Colantonio

ISBN-13: 978-1512059687

ISBN-10:1512059684

Ebook Kindle: euro 5

Divieto di concorrenza su Amazon.it

Rispondi