Arte condivisa, sharing economy e i figli dei fiori

arte_condivisa_logo_4

Un bell’articolo su il magazine del Sole24ore si interroga sulla “controcultura dominante” e anche di sharing economy:

“Per non parlare della sharing economy: tutta una costellazione di pratiche, prima che di app, nate per facilitare la condivisione – che sono sì un modo di mettere dei beni privati in comune, ma anche, a seconda dei punti di vista, un modo di metterli a reddito.” Cfr. articolo di Vincenzo Latronico.

l’articolo del Sole24ore

“Avevano ragione gli hippie?” La controcultura è davvero diventata dominante?

Per quanto riguarda l’Arte Condivisa, si tratta di applicare istituti vecchi e nuovi, tipici e atipici, come il noleggio, il fitto di Opere d’arte, lo sponsoring, etc. alla fruizione delle Opere d’arte. Certo gli hippie avrebbero apprezzato lo spostare il discorso dal possesso alla fruzione.

art sponsor

 

colantonio_locazione_cover

arte condivisa cover

Posted by

Abilitazione alla professione di Avvocato 2002. Iscritto all’Albo Avvocati – Ordine di Napoli – dal 17 dicembre 2002. Iscritto all'Albo Speciale degli Avvocati Cassazionisti, dal 22 gennaio 2016 Membro della Commissione Atti Atipici e Nuove fattispecie negoziali dell'Ordine degli Avvocati di Napoli, dal 5.07.2016 Focus area: Diritto civile, diritto commerciale, diritto del lavoro, Intellectual Property Rights. Art Law. Contrattualistica e contenzioso giudiziale. Lingue: Italiano, Inglese Studio Legale Colantonio via Michelangelo Schipa n. 59 80122 Napoli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.