Logging e controllo dei lavoratori Art 4 Statuto

Il logfile o registro di file è il “file, generato automaticamente da un programma, che registra le operazioni che avvengono in fase di avvio o di esecuzione per poter rintracciare l’origine di un eventuale problema o per tenere una registrazione” (Fonte Garazantilinguistica.it)

 

L’art. 4 dello Statuto dei lavoratori – la Legge n. 300/70 aggiornata al Jobs act – ha un titolo che può trarre in inganno: impianti audiovisivi.

In realtà, leggendo il testo dell’articolo, si “scopre” che l’art. 4 si occupa non solo degli impianti audiovisivi ma anche di tutti gli “altri strumenti dai quali derivi anche la possibilità di controllo a distanza dell’attività dei lavoratori.”

logfile

un esempio di log file

E’ stato l’insigne giurista Gino Giugni, “padre” dello Statuto dei lavoratori, ad aver raccontato, anni dopo, in suo libro, che questa formula di chiusura gli venne suggerita da alcuni tecnici, quando ancora non erano disponibili sul mercato altri strumenti di controllo a distanza dei lavoratori che non consistessero in una telecamera e in un microfono.

L’intuizione si è rivelata azzeccata.

Con il logging – l’attività di consulto del registro dei file – un datore di lavoro è in grado di monitorare l’attività di un suo dipendente, soprattutto se questi lavori principalmente con un computer.

Il che apre al logging tutta una serie di implicazioni in tema di contestazioni disciplinari.

Ma come introdurre il logfile tra le prove in un processo di lavoro? La questione attiene alla più generale tematica della portabilità delle prove dal piano digitale alla realtà analogica.

Per maggiori informazioni: info@studiocolantonio.com

Avv. Roberto Colantonio

Rispondi