Trasferimento del lavoratore arbitrario

Il trasferimento di un lavoratore disposto in carenza di sufficienti ragioni tecniche, organizzative e produttive costituisce inadempimento datoriale, cui il lavoratore può reagire ai sensi dell’art. 1460, comma 1, c.c., rifiutando di prendere servizio nella sede di destinazione e mettendo, però a disposizione le proprie energie lavorative presso l’originaria sede di lavoro. Per tale motivo, il licenziamento intimato dall’azienda per il rifiuto del lavoratore a prestare servizio nella sede di destinazione è illegittimo poiché non sorretto da giustificato motivo soggettivo.

Cassazione civile, sez. lav., 05/12/2017, n. 29054

Se desidera copia della sentenza per esteso ed altre pronunce giurisprudenziali in senso conforme o difforme o per maggiori informazioni, ci contatti all’indirizzo email: info@studiocolantonio.com

Rispondi