Mobbing e lavoro nero

Mobbing e lavoro nero

Ci può essere Mobbing anche in un rapporto di lavoro irregolare, cd. al nero? Il blocco dei licenziamenti (ma non di “tutti” i licenziamenti) fino a marzo prossimo e eventuali, probabili, proroghe, la cassa integrazione e tutti i vari ristori lasciano “scoperti” tutti quelli che un lavoro ce l’hanno, ma non anche un contratto. Il Mobbing non è necessariamente preordinato al fine di provocare le dimissioni o un licenziamento disciplinare. Certo, l’espulsione del lavoratore è l’effetto più evidente, ma non l’unico. I vari atti persecutori possono anche mirare “solo” a mettere il lavoratore in una condizione di soggezione, in modo ad esempio che non chieda la regolarizzazione del rapporto o il pagamento di tute le sue spettanze. Raggiunto quello scopo, perché poi licenziare o “far” dimettere il lavoratore reso docile? Sarebbe un controsenso! Il Mobbing può essere oggetto di un’autonoma richiesta giudiziale o anche accompagnarsi ad altre domande. Nel caso di Mobbing di un lavoratore senza contratto, la domanda principale avrà ad oggetto l’emersione del rapporto di lavoro e la domanda subordinata il risarcimento dei danni da Mobbing. Senza lavoro non c’è Mobbing: la norma fondamentale, l’art. 2087 codice civile, tutela espressamente le condizioni di lavoro.

Storie di Mobbing

Storie di Mobbing su Amazon

Pubblicato da

Abilitazione alla professione di Avvocato 2002. Iscritto all’Albo Avvocati – Ordine di Napoli – dal 17 dicembre 2002. Iscritto all'Albo Speciale degli Avvocati Cassazionisti, dal 22 gennaio 2016 Membro della Commissione Atti Atipici e Nuove fattispecie negoziali dell'Ordine degli Avvocati di Napoli, dal 5.07.2016 Focus area: Diritto civile, diritto commerciale, diritto del lavoro, Intellectual Property Rights. Art Law. Contrattualistica e contenzioso giudiziale. Lingue: Italiano, Inglese Studio Legale Colantonio via Michelangelo Schipa n. 59 80122 Napoli

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.