Archivi categoria: lavoro autonomo

L’informatore scientifico è un lavoratore autonomo?


L’informatore scientifico è un lavoratore autonomo?

Argomento: Industria chimica e informatori scientifici

“Contrariamente alla qualificazione formale del rapporto come di agenzia, l’informatore scientifico del farmaco è dipendente dell’azienda farmaceutica alla stregua di quanto previsto dal contratto collettivo nazionale dell’industria chimica, a nulla rilevando il limitato margine di autonomia di cui il medesimo godeva nel decidere di ampliare la lista dei sanitari da visitare rispetto a quella predisposta dal datore di lavoro, trattandosi di un aspetto non significativo.” Lo stabilisce con una recente sentenza la Corte di Cassazione sezione lavoro.

Se l’argomento è di Tuo interesse, contattaci senza impegni per approfondimenti: info@studiocolantonio.com oppure visita il nostro blog www.lavoratorieimprese.com

Cumulo gratuito Pensioni

La legge di stabilità 2017 ha introdotto una nuova disciplina per il ricongiungimento dei contributi. Prima il problema del cumulo era la sua estrema onerosità e il lavoratore che cambiava cassa si vedeva spesso costretto a dover rinunciare a parte della sua contribuzione pregressa.

 

 

Lavoratori autonomi o subordinati?

… a Natale i problemi di lavoro non spariscono, come testimoniato da questa intelligente vignetta. Buon 2016 a tutti i lavoratori, folletti e non.

P.s. la renna ha un serio problema di Mobbing.

Cassazione civile sez. lav. 10 ottobre 2014 n. 21497

LAVORO SUBORDINATO (Rapporto di) – Autonomia o subordinazione (differenza tra – ) – in genere

Con riferimento ai lavoratori dello spettacolo il legislatore ha voluto predisporre una tutela previdenziale ad ampio raggio, non diversa da quella elargita ai lavoratori dipendenti, a vantaggio di categorie di lavoratori esplicanti la loro attività nel settore dello spettacolo e in relazione ai quali non sempre è possibile distinguere se l’attività dai medesimi espletata sia di lavoro subordinato o di lavoro autonomo, e senza, quindi, che sia necessario previamente accertare la natura, autonoma o subordinata, dell’attività prestata (riconosciuta, nella specie, la sussistenza di rapporti di lavoro subordinati relativi a lavoratori con ruolo di totalizzatori, addetti agli ingressi e servizi vari quali pista, sala antidoping, gabbie per la partenza cavalli, servizi igienici, ingresso della direzione, e , di conseguenza, confermata la validità della cartella esattoriale emessa per mancato versamento di contributi).

LAVORO SUBORDINATO (Rapporto di) – Autonomia o subordinazione (differenza tra – ) – in genere

Cassazione civile sez. lav.  25 settembre 2014 n. 20231  

Ai fini del discrimine tra pratica professionale e lavoro subordinato occorre valutare se nell’espletamento dell’attività ricorrano effettivamente i caratteri della pratica professionale: l’effettivo insegnamento, l’evoluzione delle mansioni svolte, l’assenza del vincolo di subordinazione; unitamente all’iscrizione documentata alla pratica professionale. Ciò indipendentemente dal nomen iuris utilizzato dalle parti per connotare il rapporto di collaborazione. Se l’onere della prova del vincolo di subordinazione è a carico del lavoratore, la contraria prova dell’effettiva sussistenza dei caratteri sopra indicati è a carico del professionista (o datore di lavoro).